Fiera vincente, meglio anche di Firenze

    0
    19

    Soddisfatti gli espositori, oltre 450 visite in 2 giorni

    Schermata 2016-11-18 alle 10.41.59

    M O D A M A K E R S h a f a t t o c e n t r o : u n a n i m e è l a soddisfazione di promotori, espositori  e visitatori. L’ evento fieristico creato dalle aziende del distretto tessile di Carpi con una formula innovativa che si fonda sulla collaborazione tra le imprese e mira ad una valorizzazione collettiva, per questa seconda edizione si svolge nella tensostruttura di piazzale Re Astolfo: oltre 450 visite in due giorni. 44 le aziende presenti, di cui 38 del nostro territorio, oltre 600 capi della collezione autunno/inverno 2016/2017, 1250 mq di esposizione. Niko Mechugni (maglierie Ellegi) e Fabrizio e Daniele Stermieri (Paola Davoli) sono tra gli imprenditori promotori della nascita di Moda Makers: «Siamo molto soddisfatti -affermano – Come organizzatori, il complimento più bello che ci hanno fatto è che sembra proprio una fiera consolidata da tempo. Abbiamo cercato di ‘coccolare’ i clienti sotto ogni aspetto: trasporto, ospitalità, wi fi interno, pranzo nella Sala della Vedute di Palazzo. Ma anche sotto il profilo ‘espositori’ siamo contenti: prima i clienti facevano ‘base’ a Firenze (Moda Prima) e magari venivano in ditta a Carpi. Ora la tendenza s’ è invertita: la base operativa è Moda Makers ed ‘eventualmente’ faranno un passaggio a Firenze».

    «Finalmente un’ edizione fatta con tutti i crismi prosegue Simone Severi (Silvio Severi) e coerente con la nostra forza: la maglieria. Abbiamo riportato a casa i nostri clienti. Anche se non dimentichiamo che la vera moda è a Milano: il vero traguardo sarebbe portare le 50 aziende carpigiane nella capitale della moda!».

    TRA GLI ESPOSITORI, vi è chi è alla prima esperienza, come Marco Di Lorenzo (Dielle): «Tutto molto positivo, location, organizzazione, abbiamo già avuto vari contatti, sia italiani che stranieri e tutti ci hanno confermato che questa fiera è più attrattiva di Moda Prima». E chi ha partecipato all’ edizione ‘zero’ ed è già pronto per la prossima: «Sta andando benissimo, siamo talmente occupati con i clienti che non siamo ancora riusciti a vedere gli altri stand commenta Rosanna Crevatin (Rosanna & Co) . Positivo per noi, ma anche in generale per l’ indotto che genera per Carpi. Ci auguriamo che per la prossima edizione si riesca a trovare uno spazio adatto, ma sempre in città».

    Soddisfazione anche per i promotori: «Per fare un bilancio commenta Carlo Alberto Medici Lapam occorrerà aspettare la chiusura di domani (oggi per chi legge, ndr), ma già siamo più che contenti: oltre ai visitatori registrati, ci sono anche volti nuovi». «Siamo in una tensostruttura prosegue Roberto Bonasi di Cna e presidente Expo Modena ma non c’ è alcun senso di precarietà: tutti stanno apprezzando l’ ambiente raffinato, curato, esteticamente bello. Abbiamo creato un ‘vestito su misura’ per le aziende, senza frazionamenti, dove i clienti possono trovare senza dispersione ciò che interessa».

    Come confermano due buyer di Madrid: «E’ strategica questa fiera: qui troviamo i nostri fornitori e possiamo conoscerne di nuovi. E poi sono così cordiali i carpigiani!». L’ evento, organizzato da Expo Modena, è promosso da Cna, Confindustria , ConfartigianatoLapam, ed è sostenuto da Comune, Carpi Fashion System, e Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi. (MARIA SILVIA CABRI)

    Il Resto del Carlino (Modena) 17/11/2016